I.I.S. "Bertarelli - Ferraris"
Corso di Porta Romana 110, 20122 Milano
Tel. +39 02 58314012; +39 02 58314538 | Fax +39 02 58314325 | Codice Meccanografico: MIIS09400A

Da Corriere.it: Bertarelli-Ferraris, la targa salvata da un ex prof

Da Corriere.it dell'8 novembre 2023:

Istituto Bertarelli-Ferraris di Milano, la targa simbolo salvata da un ex prof: «Era tra le macerie, racconta la nostra storia»

Luigi Carena ha notato la lastra in un cantiere in via Nirone, dove si trovava la sede originaria. L'iscrizione ricorda il primo istituto a indirizzo turistico. «Ho chiesto agli operai di poterla recuperare». E adesso è stata donata alla scuola.

Cover Targa salvata da ex prof

Dall'articolo: "Era finita tra le macerie di un palazzo in demolizione. E sicuramente avrebbe fatto la stessa fine. Invece martedì la targa originaria del Bertarelli-Ferraris, restaurata e ripulita, dopo 60 anni è tornata nella sua scuola. A salvarla dalla distruzione è stato un ex insegnante della scuola, Luigi Carena, in pensione da molti anni. Martedì ha riconsegnato la targa al preside Federico Militante e ha incontrato alcune classi dell’istituto. Un momento di festa, ma anche l’occasione per conoscerei  momenti della storia dell’istituto che il professor Carena ha vissuto in prima persona, avendo insegnato nel periodo degli anni di piombo, per poi terminare gli ultimi anni di carriera all’Università Cattolica. [...]

«L’incontro di oggi ha dato vita a un dialogo emozionante tra il passato e il presente - ha detto il preside del Bertarelli-Ferraris Federico Militante - Anche se la scuola non è più la stessa, gli studenti sono sempre lì, uguali e diversi, immaginano il proprio futuro; gli insegnanti rispondono a nuove domande cercando sempre di tendere all’obiettivo più alto: educare alla libertà. La targa originale verrà presto sistemata all’interno della sede centrale come simbolo tangibile della nostra storia e dell’identità dell’istituto: una scuola di qualità che guarda avanti, ai tempi che cambiano ma con solide basi da cui ripartire sempre».

Leggi l'intero articolo su Corriere.it dell'8 novembre 2023

Ultima revisione il 29-11-2023